Archivi tag: stile di vita

Equilibrio psico-fisico.

Per avere un buon equilibrio psico-fisico, occorre essere attenti e lavorare su se stessi, mettendo in campo molteplici azioni.

Questo è fondamentale per avere un buon livello di salute. Parliamo di equilibrio fra mente e corpo.

E’ proprio in base a questo equilibrio che avremo un buon livello di benessere sia a livello organico, che mentale. 

Non dimentichiamo che il nostro sistema immunitario è estremamente influenzato da tutto ciò che abbiamo appena detto. 

Ruoli fondamentali sono, come sempre,  l’alimentazione, l’attività fisica e una buona resistenza allo stress.

Oggi, più che mai, per raggiungere questo equilibrio, vengono utilizzati metodi olistici: rimedi fitoterapici, medicine alternative come l’agopuntura, l’osteopatia, ecc.

Per allentare la morsa dello stress, vengono utilizzate sedute di meditazione, yoga e tanto altro.

C’è anche molta attenzione all’integrazione, con nutraceutici e integratori alimentari.

Sono molto interessata a tutto ciò,  per prevenire situazioni spiacevoli, che non ci fanno stare bene, e sono sempre del parere che bisogna sempre lavorare in sinergia, per raggiungere buoni risultati.

La mia vera passione riguarda l’alimentazione biologica, per non inquinare l’organismo, evitando la chimica il più possibile.

Un organismo ben nutrito e ben depurato alza immediatamente le sue difese immunitarie.

Come sappiamo, il nostro sistema immunitario è importantissimo, perché ci protegge dai vari attacchi esterni e dalle malattie.  Occorre uno stile di vita sano, il più possibile vicino a Madre Natura.

L’attività fisica quotidiana è fondamentale. E’ importantissimo fare tutti i santi giorni movimento, ricordandoci che il nostro corpo è una macchina che è stata progettata per muoversi.

Tanto ci sarebbe da dire per raggiungere un buon equilibrio psico-fisico, ma una buona partenza è quella di cominciare con qualche piccola azione, che nei giorni e poi negli anni, diventeranno il nostro benessere psico-fisico.

Ovvio che non possiamo essere integralisti e che la perfezione non esiste. A volte lo sgarro capita, eccome se capita, l’importante è che rimanga tale.

Nel complesso cerchiamo di volerci più bene, di rispettarci di più. Perché quando stiamo bene, e non intendo solo a livello fisico, siamo in pace con noi stessi e con gli altri.

🙂

La menopausa nuova tappa della vita di una donna.

Ma è così vero che in questo periodo la donna ingrassa tanto?

La menopausa è sicuramente una nuova tappa della vita di ogni donna.

In questo periodo il metabolismo rallenta il suo passo e proprio per questo bisogna prestare maggior attenzione all’alimentazione e non solo.

Tanto ci sarebbe da dire sulla menopausa, anche sul piano emotivo della donna. Depressione, ansia, caldane, accompagnano questa fase della vita, diventando veri e propri disagi.

Proprio per il fatto che il corpo smette di produrre estrogeni, inevitabilmente ci saranno conseguenze, come ad esempio la ritenzione idrica, con relativo aumento di peso.

Chi vive questo periodo con tristezza, tenderà a cibarsi con cibo definito “confort”, che di sicuro contribuirà ad un aumento del peso corporeo.

Il metabolismo rallentato ne completerà l’opera.

Il segreto, a mio parere, sta nell’accettare questo momento della vita con serenità e viverlo come valore aggiunto, in quanto è solitamente un’età in cui si è molto più sicure di sé e consapevoli. 

E’ un passaggio di vita assolutamente naturale e deve essere vissuto come tale.

Un dottore che stimo tantissimo: Raffaele Morelli, dice che la menopausa rappresenta l’età dell’oro e che è in assoluto l’età più bella della donna.   

Ma torniamo a noi:

di sicuro la donna ha bisogno di meno energia e quella in eccesso si trasformerà in grasso.

Anche il muscolo perderà la sua tonicità, proprio per questo motivo bisognerà continuare a svolgere attività fisica quotidianamente.

Ideale sarebbe quindi curare di più l’alimentazione e fare attività fisica regolare, almeno per 45 minuti al giorno. 

Non ultimo, viviamo appieno questo periodo della vita con la massima serenità, dopotutto ci sono donne in menopausa molto belle ed in forma.

Il buon senso la fa sempre da padrone e ci riporta sulla retta via, quindi via libera a tanta verdura, frutta senza esagerare, pochi zuccheri, pochi grassi, tutte cose che sappiamo già molto bene.

Un occhio di riguardo va al calcio, per scongiurare la famigerata osteoporosi.

Anche agli antiossidanti sono molto importanti, perché come sappiamo, ci aiutano a combattere i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento.

E’ importante anche bere molta acqua, per tenerci ben idratate e assumere i giusti integratori.

Per la verità, la fase più impegnativa per la donna non è neanche tanto la menopausa stessa, ma il periodo che la precede: la premenopausa.

E’ in questo periodo che si deve fare i conti con i cambiamenti di transizione.

Questa può durare da poco, a tanto tempo, fino a perdurare anni.

Oggi volevo condividere con te il pensiero che la menopausa non va assolutamente demonizzata, che è una fase della vita della donna in cui affiora con grande forza la consapevolezza, arricchita di saggezza.

L’aspettativa di vita è cresciuta e di molto, il corpo è molto più in forma e giovanile di quello delle donne delle precedenti generazioni.

Quindi donne viviamo questo periodo della vita con la gioia nel cuore!

 

 

 

Non solo mode.

Oggi vorrei parlarvi di due cose che mi stanno molto a cuore e che non sono affatto solo mode.

Mi riferisco al Biologico e alla pianta di Aloe Vera.

Ti chiederai perchè queste due cose insieme? Niente di più semplice.

Il Biologico sta all’Aloe Vera come la giusta nutrizione sta al nostro Benessere. Sono quindi due fattori importantissimi per quest’ultimo. Chiaramente mi riferisco ad una tipologia di Aloe Vera rigorosamente Biologica.

Non mi stancherò mai di dirlo: il benessere comincia dalla tavola. Perciò mangiare Biologico fa la differenza, come anche consumare Aloe Vera, ci aiuta tantissimo nella giusta integrazione, essendo un alimento.

Parole scontate, ma non troppo, dato che molte persone continuano a mangiare cibo di scarsa qualità e si ritrovano con problemi di salute.

C’è anche da sottolineare che il Biologico è in grande crescita.

Non credo sia solo una moda, credo che nelle persone sia nata la consapevolezza che nutrirsi con cibi più sani e quindi avere un atteggiamento più concentrato sulla prevenzione, alla fine sia meglio che ritrovarsi malaticci a consumare medicinali.

Un’altra cosa che mi riempie di gioia è vedere che nelle scuole si sta facendo strada un’educazione alimentare, perchè non è solo importante imparare a leggere e scrivere!

😉

Anche oggi le varie mode continuano a condizionare la nostra vita.

Anche l’ Aloe Vera impera ovunque, viene vissuta come una moda, dando il via alla nascita di un vero e proprio business. E dato che sono ben documentata, posso affermarti che in giro se ne vedono di tutti i colori.

Tornando alla pianta dell’Aloe, rimane un dato certo: che la lavorazione delle sue foglie devono seguire criteri molto rigidi, previa la perdita delle sostanze nutritive del gel.

Quindi ti invito sempre prima di fare acquisti a base di Aloe Vera, a informarti bene per avere la qualità del prodotto, altrimenti si buttano soldini.

E’ una pianta che viene utilizzata dall’uomo da tantissimi anni e ora viene riscoperta e riproposta in mille modi.

La cosa sempre interessante è che l’Aloe, va ad integrarsi nel discorso nutrizionale in maniera molto interessante.

In particolare per i vegetariani e i vegani, per via della vitamina B12.

 

Il mondo del Biologico.

Di ritorno dalla fiera più importante del Biologico a Bologna, ho percepito con tanta gioia quanto questo mondo si stia allargando e quanto le persone si avvicinino sempre di più e con più sapere. E’ fuori discussione che oggi ci si informa, si studia, ci si documenta, ci si appassiona, e non c’è posto migliore di questo (per me! ;).

Ci permette di diventare, o già di essere, dei consumatori attenti su quello che mettiamo nel piatto. A tal proposito mi viene in mente un video che ho visto in questi giorni di un dottore che mi è piaciuto molto. Le sue parole mi sono sembrate molto efficaci, per rendere bene l’idea che l’azione più importante che facciamo a tavola la facciamo proprio noi, tutti i santi giorni, ed è quella di portarci la forchetta alla bocca con la nostra mano.

Ecco questa è l’azione più importante, è da qui che comincia tutto, nel senso che questa stessa azione, che ci porta il cibo alla bocca, è di fondamentale importanza ai fini del nostro benessere. Ci porteremo alla bocca cibi che ci faranno bene, o cibi che ci faranno male?

La scelta di mangiare biologico (al di là delle tabelle nutrizionali dei cibi) non può essere che giusta, se io andrò a scegliere una pasta integrale biologica, sarà ai fini del mio benessere.  E se aggiungerò verdure biologiche a seguire, sarà perfetto! Questo è solo un piccolo esempio di come non sia così difficile mangiare bene, mangiare sano.

A quel punto la nostra manina che prende la forchetta e che ci porta alla bocca questo tipo di cibo è una brava manina! 🙂 Scherzi a parte, proviamo a pensare a quanto sia facile cominciare con poco a volerci bene.

L’altro giorno parlavo con una ragazza che ha un’azienda agricola con molti ettari di terreno coltivati con sistema biologico, mi faceva notare quanto questo sia difficile per svariati motivi, ma che nonostante le difficoltà, non cambierebbe metodo e non  mangerebbe per nessun motivo al mondo frutta e verdura con pesticidi. Nonostante si senta ancora dire in giro che il biologico non è sicuro e che il completamente bio non esista. 

Io rimango dell’avviso di non aver dubbi sulla mia scelta di mangiare biologico. Per quanto potrebbero e dico potrebbero esserci tracce di sostanze chimiche, di sicuro ce ne saranno sempre meno che nelle verdure trattate con pesticidi. 

Per concludere: mangiare biologico è sicuramente un’azione intelligente per il nostro benessere.   🙂

Integratori alimentari e nutraceutici.

Oggi voglio parlarti della differenza che c’è fra Integratore alimentare e Nutraceutico.

In effetti si tende a fare ancora confusione con i due termini.

Il Nutraceutico, come dice la parola stessa, è un prodotto che ha a che fare con la nutrizione e la farmaceutica, quindi un alimento o parte di un alimento che fornisce benefici medici o di salute, inclusa la prevenzione o il trattamento di malattie.

Questa definizione l’abbiamo avuta dal Presidente della fondazione per l’innovazione in medicina Dott. Stephen L. DeFelice nel 1989. Contiene sostanze naturali bioattive ad alta concentrazione, sotto forma di capsule, pillole, ecc.

Un nutraceutico deve essere prima di tutto naturale, purificato, di efficacia comprovata, sicuro dal punto di vista tossicologico e di qualità. Non cura nulla, ma aiuta a prevenire alcune patologie solo se affiancato ad uno stile di vita corretto e ad una giusta alimentazione.

Integratore è un prodotto che aiuta a sostenere la dieta, che aiuta a reintegrare sostanze perse, a sostenere una funzione fisiologica dell’organismo, oppure ridurre un fattore di rischio malattia, come ad esempio il colesterolo in soggetti sani.

Bisogna fare attenzione alla pubblicità ingannevole, non esiste una pillola che faccia miracoli e comunque è sempre bene concentrarsi su uno stile di vita sano.

Detto ciò, possiamo comprendere che un nutraceutico ha caratteristiche maggiori di un semplice integratore, e se usato bene, può portare tanti benefici per il nostro benessere.

Ad oggi, nonostante l’esplosione del mondo del biologico, nessuno è escluso dal dover inserire nella propria dieta elementi nutrizionali aggiuntivi. Possiamo con estrema convinzione dire che, più che mai, l’integrazione con la Nutraceutica si rende necessaria.

Sono tanti i fattori che rendono questo necessario, da quelli alimentari a quelli ambientali. Mi piace molto l’esempio fatto da un bravo nutrizionista, dice che la mela mangiata dalle nostre bisnonne, non aveva di sicuro i principi nutritivi di una mela dei giorni nostri.

Mia figlia, l’altro giorno, nel mangiare una pera biologica, vi ha trovato dentro un piccolo bruco. Le ho spiegato che proprio per questo il frutto era sano, proprio perchè conteneva il bruco.

Nonostante ciò, anche la frutta non ha oggi il valore nutrizionale di un tempo.

Anche se consumiamo quotidianamente le cinque porzioni di frutta e verdura, non introduciamo comunque il nostro fabbisogno di vitamine e sali minerali.

Da qui la necessità di avvalerci della Nutraceutica.

Sentirsi in piena forma.

Sentirsi in piena forma significa essere più prestanti.

Eliminando acidità, tossine, radicali liberi, si alcalinizzano le nostre cellule e ci sentiremo molto, molto meglio.

L’acidità costituisce la base organica per la perdita della salute e del benessere e favorisce l’insorgenza di molti disturbi e patologie quali stanchezza, dolori, disturbi del sonno, infiammazioni, irritabilità, ritenzione idrica, cellulite, osteoporosi, calcolosi, problemi cardiovascolari, proliferazioni di cellule tumorali, invecchiamento precoce e tanto altro.

Per questo è importante detossinarsi e alcalinizzarsi.

L’acidità del nostro organismo viene prodotta dalla solita alimentazione scorretta, dalla troppa sedentarietà, dall’uso prolungato di farmaci, dal troppo stress. Anche l’inquinamento ambientale concorre ad acidificare l’organismo.

Per fare un buon lavoro occorre intervenire da subito sulla nostra alimentazione, in questo caso la base sarà esclusivamente vegetale, con cibi freschi, biologici, ricchi di vitamine e sali minerali, antiossidanti e fibre.

Associata ad un’attività motoria regolare, finalizzata allo stesso obiettivo.

I benefici saranno tantissimi:

avremo un organismo detossinato, alcalinizzato, una rigenerazione fisica e mentale, un ringiovanimento, un potenziamento del nostro sistema immunitario, una rieducazione alimentare, un livello energetico più alto, un abbassamento dei livelli di infiammazione a livello generale, un miglioramento di tutto l’apparato cardio-circolatorio e respiratorio.

🙂