Archivi tag: frutta

La cultura alimentare

Ieri sera guardavo in tv una trasmissione che mi ha fatto riflettere sull’importanza della cultura alimentare.

La conoscenza dei cibi che sono per noi dei veri alleati per la nostra salute, ci porta a nutrirci in modo sano e ritrovarci così dentro un corpo altrettanto sano. Una giusta cultura alimentare ci può aiutare a prevenire tante patologie, tra le quali quella dell’obesità.

Non è il genere di trasmissioni che io amo, ma ho voluto guardarla fino alla fine,  per rendermi conto di quanto certe persone si possano fare del male, fino all’autodistruzione.

Vengono presentate alcune vite di ragazzi, tra l’altro giovanissimi (17- 20 anni), in sovrappeso grave, uno di loro addirittura di Kg. 380, che già mi chiedo come sia possibile arrivare a tanto! 

La mia riflessione è andata immediatamente alla cultura alimentare, in uno stato in cui l’obesità è un allarme sociale come l’America, che le mamme ancora oggi continuino a nutrire i loro figli con “cibo spazzatura”, francamente non lo concepisco proprio!

In effetti durante la trasmissione pensavo: è la madre colpevole di tutto questo “sfacelo alimentare”, NON ha mai proposto al figlio verdura, neanche una foglia d’insalata! Questo per farti capire come mancava di informazione e, come da programma, in sovrappeso pure lei!

Se avessi potuto aiutare quel povero ragazzo, sicuramente avrei cominciato a lavorare sulla madre, poi sicuramente gli avrei proposto piatti sani (quelli veramente sani!), un’attività fisica ferrea ma divertente, e assolutamente i programmi C9, F 15, della Forever Living Products, che lo avrebbero aiutato a dimagrire pur mantenendo un buon benessere psico-fisico.

Non da trascurare anche un supporto psicologico. Dietro un importante sovrappeso si cela sempre un disagio psicologico. 

Purtroppo le mamme NON possiamo scegliercele! 🙂

Ecco perchè è importante la Prevenzione, perchè ti permette di NON arrivare a questi stadi, e comunque anche che nella vita capiti di mettere su qualche chilo, un conto è doverne perdere una decina, un conto una novantina e oltre.

Senza contare che questi malati diventano dei veri disabili, sono da servire h.24, perchè non riescono più a muoversi. E la cosa gravissima è che rischiano di morire, senza contare che le loro difese immunitarie sono praticamente inesistenti, quindi parliamo di vere e proprie patologie, pericolosissime!

Quindi care mamme, NON abbiate paura di dire qualche NO in più ai vostri figli quando vi chiedono “cibo spazzatura”, farete solamente il loro bene! 🙂

Integratori alimentari e nutraceutici.

Oggi voglio parlarti della differenza che c’è fra Integratore alimentare e Nutraceutico.

In effetti si tende a fare ancora confusione con i due termini.

Il Nutraceutico come dice la parola stessa è un prodotto che ha a che fare con la nutrizione e la farmaceutica, quindi un alimento o parte di un alimento che fornisce benefici medici o di salute, inclusa la prevenzione o il trattamento di malattie.

Questa definizione l’abbiamo avuta dal Presidente della fondazione per l’innovazione in medicina Dott. Stephen DeFelice nel 1989. Contiene sostanze naturali bioattive ad alta concentrazione, sottoforma di capsule, pillole, ecc.

Un nutraceutico deve essere prima di tutto naturale, purificato, di efficacia comprovata, sicuro dal punto di vista tossicologico e di qualità. Non cura nulla, ma aiuta a prevenire alcune patologie solo se affiancato ad uno stile di vita corretto e ad una giusta alimentazione.

Integratore è un prodotto che aiuta a reintegrare sostanze perse, sostenere funzionalmente una funzione fisiologica dell’organismo, oppure di ridurre un fattore di rischio malattia, come ad esempio il colesterolo in soggetti sani.

Bisogna fare attenzione alla pubblicità ingannevole, non esiste una pillola che faccia miracoli e comunque è sempre bene concentrarsi su uno stile di vita sano.

Detto ciò possiamo comprendere che un nutraceutico ha caratteristiche maggiori di un semplice integratore e se usato bene può portare tanti benefici per il nostro benessere.

Ai giorni d’oggi, nonostante l’esplosione del mondo del biologico, nessuno è escluso dal dover inserire nella propria dieta elementi nutrizionali aggiuntivi. Possiamo con estrema convinzione dire che oggi, più che mai, l’integrazione con la Nutraceutica si rende necessaria.

Sono tutti i fattori rendono questo necessario, da quelli alimentari, a quelli ambientali. Mi piace molto l’esempio che ho sentito fare ad un bravo nutrizionista, il quale ha detto che la mela mangiata dalle nostre bisnonne, non aveva di sicuro i principi nutritivi di una mela dei giorni nostri.

Mia figlia l’altro giorno nel mangiare una pera biologica vi ha trovato dentro un piccolo bruco. Le ho spiegato che stava a significare che il frutto era sano proprio perchè conteneva il bruchetto.

Ma nonostante ciò anche la frutta non ha oggi il valore nutrizionale di un tempo. Questo per dire che anche se noi consumiamo quotidianamente le cinque porzioni di frutta e verdura giornaliere, non introduciamo il nostro fabbisogno di vitamine e sali minerali.

Da qui la necessità di avvalerci della Nutraceutica.

La dieta dei cinque colori.

i cinque colori

La dieta dei cinque colori nasce dietro al fatto che la sana nutrizione consiglia di assumere quotidianamente cinque porzioni di frutta e verdura che siano di cinque colori diversi: viola, verde, bianco, giallo, rosso.

Ricerche a livello di psicologia sperimentale hanno stabilito quanto il colore di un cibo abbia una notevole incidenza sul nostro comportamento alimentare. Per fare un esempio, sembrerebbe che il colore giallo, stimolerebbe l’apparato visivo. Di questo fattore ne hanno fatto grande utilizzo l’industria alimentare, convincendoci con colori super invitanti di comperare un cibo piuttosto che un altro.

Ma torniamo alla nostra dieta dei cinque colori, consiste nel fatto che, assumendo le cinque porzioni di diverso colore, noi andiamo ad assumere tutti i nutrienti utili alla nostra salute. In base al colore la frutta e la verdura svolgerà una naturale funzione protettiva, andando ad aiutare il sostentamento del nostro sistema immunitario.

Ma vediamo nello specifico i cinque colori:

Viola: melanzane, mirtilli, uva nera, prugne, fichi..

Verde: broccoli, spinaci, cavoli, cicoria, rucola, lattughe, asparagi..

Giallo: albicocche, carote, zucche, meloni, arance, limoni, mandarini, pompelmi..

Bianco: aglio, cipolle, cavolfiori, pere, mele, finocchi..

Rosso: pomodori, ravanelli, ribes rosso, ciliege, rape rosse, anguria..

I diversi colori hanno i loro relativi benefici: ad esempio il giallo sul sistema immunitario, occhi, pelle, il rosso sul tratto urinario e la memoria, il bianco sul livello di colesterolo..

Una curiosità.. lo sai da dove deriva il colore di un frutto o di una verdura? Dalle fitoalessine, che sono sostanze vegetali che le piante producono per difendersi dagli attacchi dei parassiti.

Ora hai capito perchè è molto importante variare il più possibile i cinque colori a rotazione, perchè così avrai tutti i nutrienti a te necessari. Per lo stesso motivo bisognerebbe abituare i bambini a fare ciò fin da piccoli, facendola diventare come una sana abitudine.

Non dimentichiamo che anche l’Aloe Vera è una verdura 🙂

 

Parliamo di bacche e proprietà.

frutti-di-bosco-150x150


Esistono moltissime bacche che possono fare davvero del bene al nostro organismo.

Scopriamo quali sono e soprattutto perché sono considerate un vero elisir di lunga vita.

Le more sono tra le bacche più diffuse nel nostro paese e si trovano nei boschi e nelle radure a fine estate. La mora è un frutto ricco di vitamine, in particolare C, K e B. Contiene molti sali minerali come il manganese, il rame, il potassio, il magnesio e il calcio ed è ricca di acido folico. Contiene anche betacarotene, luteina e zeaxantina.

Sempre parlando di frutti di bosco, i mirtilli sono ricchi di antiossidanti, di antociani, di vitamina C e di vitamina K, contengono anche manganese e sono una buona fonte di fibre alimentari. Per la loro ricchezza di antiossidante sono considerati protettivi per la circolazione sanguigna oltre che un prezioso aiuto per prevenire il rischio di attacco di cuore e di declino cognitivo.

La qualità particolare dei mirtilli rossi, conosciuta all’estero come cranberry, è considerata benefica per prevenire in modo naturale le infezioni del tratto urinario grazie alle proprietà antinfiammatorie.

Nella storia i mirtilli rossi sono stati utilizzati propri in caso di disturbi urinari, oltre che per ferite, diabete, diarrea, problemi di stomaco e di fegato.

I lamponi sono tra i frutti più ricchi di fibre, ne contengono il 20% del peso totale per via della loro struttura aggregata. Sono anche una fonte importante di vitamina C, manganese vitamine B1 e B3, acido folico, magnesio, rame e ferro. Contengono inoltre antiossidanti come antocianine e quercetina.

Tra le bacche più comuni non possiamo non annoverare le fragole e le fragoline di bosco che quando sono di stagione contengono preziosi antiossidanti, sono un’ottima fonte di vitamina C, hanno proprietà antinfiammatorie, aiutano a regolare gli zuccheri nel sangue, hanno proprietà anti-tumorali e stimolano la memoria.

Il nostro secondo cervello.

dottori-intestino-stomaco-caldo-300x273


Si dice essere il nostro secondo cervello: l’intestino. Si dice anche che la maggior parte delle problematiche di salute partano da un intestino che funziona male. Ci avete fatto caso che quando siete tesi, stressati, preoccupati il nostro intestino cambia la sua funzionalità? Allora soffriamo di stipsi, di diarrea o di gonfiore ecc.. Praticamente diciamo che somatizziamo i nostri stati d’animo e questi si riflettono inevitabilmente sul nostro intestino. Per tutti questi motivi è fondamentale avere una regolare peristalsi intestinale, come? Naturalmente con la solita buona alimentazione, il consumo regolare di cibi integrali, frutta, verdura, una regolare attività fisica e bere Aloe Vera Gel regolarmente, perché lo abbiamo detto e ridetto, favorendo l’assorbimento degli alimenti, facilita e regolarizza il transito intestinale.