Natale nell’aria 🎅🏽😃🎁

È già tempo di Natale, l’atmosfera è quella!

Le festività più importanti dell’anno sono alle porte, e con loro tanta la voglia di fare regali.

Io personalmente adoro da sempre farne di utili, da un po’ di tempo a questa parte devo dire che mi assale la voglia di fare regali per il Benessere della persona.

Da quando mi occupo di Biologico, per me è un vero piacere regalare Benessere e per esso intendo: dalla cura del corpo, al nutraceutico mirato alla persona, al make-up bio, agli oli essenziali, al mantenimento del peso, ecc…

Le idee sono tantissime.

In sostanza il concetto è: piuttosto di fare regali inutili e superflui, pensiamo a qualcosa che ci faccia stare bene e che ci doni Benessere.

Ricapitolando, sono davvero felice di pensare al Benessere delle persone a cui voglio bene, mi sento di prendermi cura di loro. E quale occasione più giusta del Natale!

🎁🎅🏽😃

Psoriasi.

E’ un disturbo cutaneo non contagioso, quella più diffusa è quella a placche, caratterizzata da lesioni cutanee rigonfie, coperte da scaglie bianco-argentee. Altri tipi sono caratterizzati da vesciche simili a pustole, accentuata desquamazione cutanea, puntini simili a gocce e chiazze lisce infiammate.

Le cause non sono così chiare: in genere si sospetta una componenete genetica, in quanto la psoriasi è ereditaria. Le sedi più colpite sono gomiti, ginocchia cresta tibiale, cuoio cappelluto e la regione immediatamente sotto le mammelle.

Non esiste una vera e propria cura, per i medici è una malattia cronica, cioè recidivante, tuttavia possono insorgere componenti psicologici del tipo imbarazzo, frustrazione, depressione e perdita dell’autostima, proprio per questo viene consigliata una cura per lo stress, unita a una sana alimentazione e ad una riduzione del consumo di alcol.

Questa affezione è generalmente più diffusa tra le donne. Dato che la psoriasi spesso viene scatenata dallo stress, o come credono alcuni ipnoterapeuti, è il risultato di emozioni represse, le tecniche di rilassamento come l’autoipnosi possono essere molto efficaci. Altre sono le tecniche utilizzate per stare meglio con questo disturbo: dall’agopuntura, alla fototerapia, alla riflessologia, ecc.

Tra le tante trova spazio  la fitoterapia, per esempio con l’uso di Aloe Vera Gel e Omega tre  per uso interno, Gel di Aloe e Propolis in crema per via cutanea, possiamo dire che si ottengono ottimi risultati.

In questo caso l’uso sia interno, che esterno, si rende necessario e utile.

Alcuni ricercatori dichiarano che, tra le tante proprietà dell’Aloe, ci sarebbe quella di limitare la proliferazione delle squame psoriasiche.

😃

Integratori alimentari e nutraceutici.

Oggi voglio parlarti della differenza che c’è fra Integratore alimentare e Nutraceutico.

In effetti si tende a fare ancora confusione con i due termini.

Il Nutraceutico come dice la parola stessa è un prodotto che ha a che fare con la nutrizione e la farmaceutica, quindi un alimento o parte di un alimento che fornisce benefici medici o di salute, inclusa la prevenzione o il trattamento di malattie.

Questa definizione l’abbiamo avuta dal Presidente della fondazione per l’innovazione in medicina Dott. Stephen DeFelice nel 1989. Contiene sostanze naturali bioattive ad alta concentrazione, sottoforma di capsule, pillole, ecc.

Un nutraceutico deve essere prima di tutto naturale, purificato, di efficacia comprovata, sicuro dal punto di vista tossicologico e di qualità. Non cura nulla, ma aiuta a prevenire alcune patologie solo se affiancato ad uno stile di vita corretto e ad una giusta alimentazione.

Integratore è un prodotto che aiuta a reintegrare sostanze perse, sostenere funzionalmente una funzione fisiologica dell’organismo, oppure di ridurre un fattore di rischio malattia, come ad esempio il colesterolo in soggetti sani.

Bisogna fare attenzione alla pubblicità ingannevole, non esiste una pillola che faccia miracoli e comunque è sempre bene concentrarsi su uno stile di vita sano.

Detto ciò possiamo comprendere che un nutraceutico ha caratteristiche maggiori di un semplice integratore e se usato bene può portare tanti benefici per il nostro benessere.

Ai giorni d’oggi, nonostante l’esplosione del mondo del biologico, nessuno è escluso dal dover inserire nella propria dieta elementi nutrizionali aggiuntivi. Possiamo con estrema convinzione dire che oggi, più che mai, l’integrazione con la Nutraceutica si rende necessaria.

Sono tutti i fattori rendono questo necessario, da quelli alimentari, a quelli ambientali. Mi piace molto l’esempio che ho sentito fare ad un bravo nutrizionista, il quale ha detto che la mela mangiata dalle nostre bisnonne, non aveva di sicuro i principi nutritivi di una mela dei giorni nostri.

Mia figlia l’altro giorno nel mangiare una pera biologica vi ha trovato dentro un piccolo bruco. Le ho spiegato che stava a significare che il frutto era sano proprio perchè conteneva il bruchetto.

Ma nonostante ciò anche la frutta non ha oggi il valore nutrizionale di un tempo. Questo per dire che anche se noi consumiamo quotidianamente le cinque porzioni di frutta e verdura giornaliere, non introduciamo il nostro fabbisogno di vitamine e sali minerali.

Da qui la necessità di avvalerci della Nutraceutica.

Autunno: una buona occasione per migliorare il nostro benessere.

Sì è finita l’estate, ma non per questo dobbiamo rattristarci, anzi cerchiamo di vivere questa stagione dell’anno chiamata Autunno come un’opportunità di benessere.

Come prima cosa esprimi tutto il tuo rispetto per l’autunno e sii grato per quello che hai. Approfitta degli alimenti sani che trovi  in questa stagione, mi riferisco ai frutti e alle verdure 😉

per nutrirti bene e ritrovarti pieno di energia. Il tempo ci regala ancora temperature gradevoli per fare attività fisica all’aria aperta, come delle lunghe passeggiate, magari nelle ore centrali della giornata, dove puoi godere di colori vivaci e respirare aria fresca.

E’ sempre bello fare meditazione, ma in questa stagione ancora di più, possiamo infatti meditare sul nostro mondo interiore, magari davanti ad un tramonto mozzafiato autunnale.

E’ anche un ottimo momento per detossinare il nostro organismo e per ripristinare la nostra flora batterica, così da trovarci forti e preparati agli attacchi dei diversi virus invernali e aumentare le nostre difese immunitarie.  A tal proposito  ti rimando al link: https://stiledivita.leadpages.co/sales-programmac9/ e al link: https://stiledivita.leadpages.co/sales/

Decisamente un modo intelligente per vedere il bicchiere mezzo pieno, perchè in effetti questa è la stagione dell’anno in cui tante persone se la vivono con malinconia, perchè l’estate è finita, le giornate si accorciano e le ore di luce diminuiscono, ma se la guardiamo da un’altra prospettiva, con altri occhi, ecco diventare una splendida stagione piena di fascino 🙂

Come nasce una malattia secondo la Medicina Tradizionale Cinese.

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, la malattia prende origine da un disequilibrio dell’energia che circola nell’organismo umano. I meccanismi che portano a questi problemi sono principalmente tre: cause esterne, cause interne, cause né interne, né esterne.

Prima però di entrare nel dettaglio è doveroso fare una precisazione, la Medicina Tradizionale Cinese (MTC) nasce alcuni secoli prima di Cristo, quindi a quel tempo non si conoscevano virus, batteri, miceti, che per la nostra medicina sono ritenuti i responsabili di diverse malattie infettive, quindi dobbiamo pensare ad un individuo che viveva in un’epoca in cui le condizioni climatiche potevano manifestarsi in tutta la loro drammaticità.

Vediamo ci capire meglio questi concetti partendo proprio dal dettaglio delle cause:

cause esterne, chiamate anche condizioni climatiche (vento, calore, umidità, secchezza, freddo, fuoco)

cause interne, dovute a disturbi dei sette sentimenti (collera, gioia, inquietudine, pensiero ossessivo, tristezza, paura, terrore, ma anche allo squilibrio Yin-Yang)

cause né interne, né esterne, cioè scorretta alimentazione, carico di lavoro eccessivo, incidenti, traumi.

Tutti questi fattori possono colpire i diversi organi, portando l’individuo alla malattia. Facciamo alcuni esempi: il freddo disturba in particolar modo il Rene, la Vescica, ma anche il Polmone e l’Intestino. Questa energia esterna tende a contrarre i pori della pelle e causare una stasi dei liquidi organici, rallentare la circolazione e provocare dolori sordi e forti, soprattutto relativi alle articolazioni. Altri sintomi tipici del freddo sono brividi che sfociano in febbre, mani fredde e piedi freddi, avversione al freddo.

Tornando invece ai sette sentimenti, possono diventare causa di malattia quando sono eccessivi e squilibrati rispetto agli altri, quando durano troppo tempo, e quando si verifica nella persona una reattività emotiva esagerata rispetto alle situazioni che vive.

A questo punto possiamo dire che la MTC rappresenta il capostipite di quelle che vengono oggi definite malattie psicosomatiche. Straordinario aver individuato per ogni situazione emozionale un preciso meccanismo energetico. A tal proposito facciamo un esempio su un fattore di cause interne come la collera. Causa disturbi come mal di testa, vertigini, occhi rossi, tosse nervosa, quando è eccessiva può portare squilibrio al Fegato.

Infine tornando alle cause né interne, né esterne, volevo fare riferimento proprio all’errata alimentazione, che secondo la MTC è di fondamentale importanza, perchè ha proprietà curative.

Un’alimentazione per essere equilibrata deve comprendere cibi di tutte cinque le categorie: salato, piccante, dolce, amaro e acido. Ad esempio il piccante è un sapore Yang, favorisce la sudorazione e fa circolare il Qi e il sangue. In eccesso impoverisce l’energia, aggredisce il polmone, fegato e cuore.

E’ di fondamentale importanza sapere a che tipo di costituzione si appartiene: tipo Yin o tipo Yang, perchè in base a questo viene definito il tipo di alimentazione.

Concludiamo dicendo che anche i cibi hanno una loro natura: Fredda e Fresca, Calda e Tiepida e Neutra. Un esempio di alcuni alimenti di natura Fredda: latte, formaggio fresco, patate, banane, funghi, alghe, cachi, verdura cruda.

Oggi abbiamo visto a grandi linee alcuni concetti della MTC, secondo la quale squilibri diversi possono portare alla malattia. Ovviamente è un territorio molto vasto e molto affascinante che a mio parere vale la pena approfondire.

L’Uomo e l’Universo.

Uomo e Universo: due parole che si fondono profondamente.

Sono un’appassionata di M.T.C. Medicina Tradizionale Cinese.

In questa medicina ideata più di 4000 anni fa in Cina, l’uomo viene considerato come un’unione inscindibile di corpo, mente e spirito. Non si parte dallo studio dell’anatomia e del funzionamento dei vari organi e apparati, ma da una visione globale dell’uomo che si ricollega ad una visione più ampia, quella dell’Universo.

Quindi l’uomo non viene considerato solamente un assemblaggio di organi, ma un tutt’uno con l’universo.

La filosofia Taoista sta alla base della M.T.C. ecco perchè, prima di parlare di malattie, sintomi e cure, è doveroso capire questo pensiero.

Secondo la filosofia Taoista l’uomo è un microcosmo, cioè contiene tutto quello che c’è nell’universo, che invece viene definito macrocosmo.

Alla base di tutto si trova il dualismo dello Yin e dello Yang, che può essere rappresentato come l’alternarsi del buio e della luce, della notte e del giorno, della morte e della nascita. Lo Yin e lo Yang sono praticamente le due forze fondamentali dell’universo, opposte e complementari.

In generale lo Yin esprime passività, riposo, oscurità, freddo, inverno, femminilità, Yang indica invece azione, forza, luce, calore, estate, virilità, cielo, esterno.

Non esiste nulla di totalmente Yang o totalmente Yin. Ognuno di noi presenta caratteristiche sia Yin, che Yang. La predominanza dell’uno sull’altra, determina la tipologia di appartenenza. Quindi il concetto è molto distante dalla nostra cultura, che giudica ad esempio una cosa buona o cattiva, bella o brutta, in questa filosofia vale il concetto di complementarità. 

All’origine della creazione dell’universo, Yin e Yang hanno prodotto i cinque elementi da cui ha preso origine tutta la materia, cioè Legno, Fuoco, Terra, Metallo e Acqua. 

A ciascuno di questi elementi corrispondono qualità diverse: ognuno infatti è in relazione con un clima, un sapore, un odore, un colore, un sentimento..

Ogni elemento corrisponde a due organi interni diversi: uno Yin e l’altro Yang.

Secondo la M.T.C. l’organismo umano è un complicato sistema di forze, organi vitali, energia e meridiani.

Questo è un assaggio di quello che è il concetto della M.T.C.

L’argomento è molto vasto, per ora direi che può bastare, ma la prossima volta vorrei parlarti di come nasce e si scopre una malattia.

Il massaggio aromaterapico.

Oggi volevo parlarti del massaggio aromaterapico.

Anche la ricerca ci conferma che gli oli essenziali influenzano l’umore e le emozioni generando benessere. Tanto che oggi alcuni ospedali utilizzano gli oli essenziali in aggiunta ai massaggi terapeutici.

Infatti gli oli sono in grado di penetrare attraverso l’epidermide,  per via del massaggio e nel giro di venti minuti, provocare minimi cambiamenti farmacologici nell’organismo, pur non esistendo ancora prove definitive su patologie specifiche.

Diciamo che tutto sommato risultati se ne hanno comunque. Quindi se un massaggio terapeutico favorisce beneficio sia fisico che psicologico, un massaggio aromaterapico lo accresce e lo esalta in maniera del tutto piacevole per chi lo riceve.

Se dovessero esserci dubbi sulla propria salute è sempre meglio consultare un medico, prima di effettuare un massaggio aromaterapico. 

Un effetto importante degli oli aromaterapici è quello di coinvolgere l’olfatto, a volte si dimostra molto intenso, perchè gli odori hanno una valenza evocativa molto forte. 

L’utilizzo del massaggio con gli oli essenziali fu diffusa da Margherite Maury, una biochimica che lavorò in Francia, iniziò ad utilizzarli e scoprì ben presto che i suoi clienti trovarono con gli oli benefici superiori a quelli del massaggio stesso.

Incuriosita continuò a sperimentarli, in base alle varie esigenze dei clienti, e contribuì così a diffondere il massaggio aromaterapico sia in Europa che in America, come un trattamento di bellezza dagli effetti salutari.

Scoprì gli effetti rilassanti di alcuni oli, quelli benefici su alcune affezioni cutanee e addirittura di alleviare dolore per certe patologie.

Un bravo massaggiatore professionista, ben preparato, deve utilizzare solo oli di altissima qualità. Questo è molto importante, perchè in commercio esistono tantissimi tipi di oli essenziali che vengono trattati con la chimica, sono economici ma tossici e per questo dannosi alla salute.

Un esempio su tutti di aromaterapia più comune è quello che vede l’utilizzo dell’olio essenziale alla lavanda. Risulta essere sedativo, antidepressivo e antisettico: per stress, disturbi digestivi, cefalea, emicrania, ustioni, morsi, acne e geloni.

L’olio essenziale di lavanda, se utilizzato nel massaggio, aumenta le sue proprietà rilassanti e altri effetti benefici. 

(Fonte articolo: Enciclopedia illustrata delle terapie alternative).

Quando l’emicrania disturba la qualità della nostra vita.

L’emicrania o classico mal di testa può rappresentare un cattivo compagno delle nostre giornate. Può essere un dolore che si irradia in diversi punti della testa, può comparire all’improvviso e può essere accompagnato spesso da nausea, vomito e ipersensibilità alla luce.

Colpisce il 5% della popolazione ed è un disturbo che penalizza di tanto la qualità della nostra vita. La crisi può durare alcune ore, ma anche intere giornate o più giorni. Senza entrare nello specifico dei diversi tipi di emicranie, mi interessa parlare dei fattori che possono scatenare le crisi. Solitamente non sono patologici, ma derivanti da situazioni esterne, la prova classica è il mal di testa da stress, rabbia, ira…

Possono derivare da intolleranze alimentare. Anche la sindrome premestruale per le donne è un fattore scatenante dell’emicrania, fattori climatici, fattori ambientali, o derivare dalle singole allergie, insomma i fattori scatenanti possono essere davvero tanti. Continua la lettura di Quando l’emicrania disturba la qualità della nostra vita.

Soffrire di Ortoressia.

Conosci il disturbo dell’Ortoressia?

Oggi ho letto un’articolo che parla di un disturbo che si chiama Ortoressia.

Il nome deriva dal greco orthos-corretto e orexis-appetito.

Mi ha molto incuriosito, si tratterebbe di una vera e propria ossessione per un’alimentazione sana ed equilibrata. Sicuramente in questi ultimi anni sono esplose delle mode che hanno influenzato lo stile di vita, (un esempio ne è la “gluten free”). Regimi alimentari che escludono completamente alcuni alimenti, per la loro pericolosità sulla salute.

In questo disturbo se per l’anoressia e la bulimia il punto fondamentale è la quantità, nell’Ortoressia il focus diventa la qualità. Quando tutto ciò prende la forma di una vera e propria ossessione, ecco che la persona si ritrova anche a isolarsi dal resto della società, perchè non vengono più tollerati i regimi altrui.

Ne deriva un comportamento quasi nevrotico della persona, che vuole controllare costantemente le regole da seguire, senza mai permettersi uno sgarro ogni tanto.

Come sempre la via migliore sarebbe quella di mezzo, ok prendersi cura dell’alimentazione, mangiare sano, biologico e avere un buon stile di vita, ma quando diventa un ossessione e un voler controllare tutto con comportamenti maniacali, si entra nella sfera del patologico.

Sembra che più di tre milioni di italiani soffrano di disturbi alimentari, questo il dato diffuso dal ministero della Salute, circa il 15% soffrirebbe di questo disturbo.

Quindi ricapitolando questo tipo di ossessione porta la persona ad eliminare completamente dei gruppi di cibi che sono essenziali per una dieta equilibrata, mettendo in pericolo la salute della persona stessa.

Esiste un test che rivela se si soffre di questo disturbo, si chiama test di Bratman, un dietologo americano.

Lo puoi trovare su http://www.greenme.it  e lo puoi fare, io per fortuna non ne soffro 🙂