Archivio mensile:Maggio 2017

Migliorare la qualità dell’aria interna della nostra casa.

Hai mai pensato a quante attività domestiche possono peggiorare la qualità dell’aria della tua casa?

Oggi volevo parlarti di come migliorare la qualità dell’aria interna della tua abitazione, partendo proprio dall’elenco delle attività che possono renderla peggiore:

cucinare, pulire casa, lavare i piatti, lavare i panni con la lavatrice, stirare.

Attività di igiene personale, per il relax, il fai da te con svariati hobby, la cura delle piante e, non per ultimo, la cura dei nostri amati amici animali.

Tutte queste attività sono destinate a peggiorare drasticamente la qualità dell’aria interna della nostra home sweet home.

Perché?

Molto è dovuto all’uso eccessivo di prodotti detergenti, disincrostanti, disinfettanti, deodoranti, cere, prodotti lucidanti per metalli e conservanti per mobili, insetticidi. Tutti con sostanze chimiche nocive alla salute.

Quando laviamo i panni, la produzione di vapore acqueo, associato a polveri come detersivi e ammorbidenti profumati, l’uso di smacchiatori, apprettanti, e tanto altro, sono tutte sostanze che di sicuro bene non ci fanno!

L’uso intensivo di caldaie, i prodotti per l’igiene personale come lacche, schiume, profumi.

Prodotti per svolgere i nostri hobby, l’uso di polveri, vernici, smalti, colle, sigillanti.

Altri prodotti che ci occorrono per curare le nostre piante: concimi, lucidanti, antiparassitari.

Per la cura dei nostri amici animali: collari antipulci, farmaci in polvere, spray lucidanti per il pelo, deodoranti.

Come vedi sono tante le cose che possono contribuire a peggiorare la qualità dell’aria all’interno della nostra casa.

La bella notizia è che possiamo migliorare la situazione, vediamo come.

Cominciamo col sostituire tutto ciò che possiamo di chimico, con prodotti ecologici, naturali e biologici.

Se sei per l’auto-produzione, nulla ti vieta di crearti da sola in casa i prodotti che andrai ad usare.

Se deciderai di acquistarli, li sceglierai assolutamente di ottima qualità.

Già con questa mossa ci ritroveremo ad avere un netto miglioramento della situazione.

Se poi anziché utilizzare tanti prodotti, ne utilizzerai uno che li raggruppa tutti, farai doppio bene al pianeta terra, per via dello smaltimento dei flaconi.

Esistono infatti prodotti che da soli fanno il lavoro di tanti messi insieme.

Un prodotto che da solo ti pulisce dal pavimento, a tutte le superfici lavabili, compresi i vetri e si può utilizzare anche come detersivo per la lavatrice, non mi sembra affatto male!

Lo definirei un atteggiamento molto intelligente. Così facendo avremo l’aria della nostra casa più sana e di conseguenza la nostra salute ringrazierà.

Non solo, ci sentiremo meglio, perché avremo anche salvaguardato il nostro pianeta, e perché no, anche il nostro portafoglio, nell’arco di un anno il risparmio sarà notevole.

Un’altro metodo tutto bio per disinfettare e purificare gli ambienti, è l’utilizzo di oli essenziali. Nello specifico quello al limone, di buona qualità, senza chimica e rigorosamente biologico.

Anche alcune tipologie di piante aiutano a depurare l’aria di casa: la lingua di suocera (Sansevieria), il Ficus Benjamin, l’Aloe Vera, la Dracena e tante altre.

E’ anche consigliabile anche in inverno cambiare l’aria in casa, aprendo le finestre, nelle ore meno fredde e per pochi minuti, senza bisogno di sprecare il riscaldamento.

Come vedi i modi per effettuare un miglioramento dell’aria interna della tua casa ci sono, basta solo metterli in pratica.

 

SOS Tendinite!

Una brutta tendinite è sempre molto fastidiosa, sia per il dolore, che per il riposo forzato. Quando questo accade, siamo obbligati a sospendere le nostre attività.

Sono molto colpiti gli sportivi, ma anche tutte quelle persone che per lavoro, sottopongono le articolazioni a ripetute sollecitazioni che finiscono inevitabilmente per infiammare la struttura del tendine.

Ci si reca dal medico che, come da programma, ci consiglia di assumere antinfiammatori, metterci a riposo, ghiaccio, tutore se necessario, in alcuni casi onde d’urto, fisioterapia e se necessario anche l’intervento chirurgico.

Ma cosa succede nel caso in cui non si possa mettere a riposo l’arto e per giunta non si voglia assumere antinfiammatori?

Questo è proprio il mio caso: reduce da un trasloco molto impegnativo, dove ho lavorato molto, mi sono ritrovata con una “bella” tendinite alla mano destra.

Chi mi conosce sa che gli antinfiammatori, se posso li evito, cerco di dominare il dolore con altri metodi. Ho cercato di sforzare meno la mano, ma per ovvi motivi non se ne parla di metterla a riposo.

Mi sono quindi rivolta per l’ennesima volta al mio carissimo amico Aloe Vera. Ho scelto la tipologia specifica per le articolazioni, ho cominciato ad assumere acido ialuronico, per uso locale un gel a base di metil sulfonil metano (MSM) che è un organosolfuro, contenente zolfo, utilissimo in questi casi.

Ricapitolando: glucosamina, condoitrina solfato, MSM e naturalmente Aloe Vera Gel, (tutte sostanze naturali e biologiche) sono a mio avviso tutto quello che mi serve.

Questo è il metodo naturale che io ho scelto per allontanare la tendinite, non voglio assolutamente sostituirmi al medico, penso semplicemente che, potendo scegliere, preferisco evitare i farmaci, sempre nell’ ottica del “laddove posso”! 

Un altro rimedio naturale che voglio aggiungere e che voglio provare, è lo stretching, in alcuni casi può aiutare, eseguito in maniera molto delicata, perchè in caso contrario, potrebbe acutizzare il problema.

Quindi a mio parere, se si tratta di una qualsiasi tendinite, se non si lascia aggravare la situazione, si può provare assolutamente con metodi naturali a farsela passare, prima di assumere farmaci.

Se dovesse peggiorare, o non migliorare, è preferibile rivolgersi ad un medico.