Archivio mensile:ottobre 2016

Psoriasi.

E’ un disturbo cutaneo non contagioso, quella più diffusa è quella a placche, caratterizzata da lesioni cutanee rigonfie, coperte da scaglie bianco-argentee. Altri tipi sono caratterizzati da vesciche simili a pustole, accentuata desquamazione cutanea, puntini simili a gocce e chiazze lisce infiammate.

Le cause non sono così chiare: in genere si sospetta una componenete genetica, in quanto la psoriasi è ereditaria. Le sedi più colpite sono gomiti, ginocchia cresta tibiale, cuoio cappelluto e la regione immediatamente sotto le mammelle.

Non esiste una vera e propria cura, per i medici è una malattia cronica, cioè recidivante, tuttavia possono insorgere componenti psicologici del tipo imbarazzo, frustrazione, depressione e perdita dell’autostima, proprio per questo viene consigliata una cura per lo stress, unita a una sana alimentazione e ad una riduzione del consumo di alcol.

Questa affezione è generalmente più diffusa tra le donne. Dato che la psoriasi spesso viene scatenata dallo stress, o come credono alcuni ipnoterapeuti, è il risultato di emozioni represse, le tecniche di rilassamento come l’autoipnosi possono essere molto efficaci. Altre sono le tecniche utilizzate per stare meglio con questo disturbo: dall’agopuntura, alla fototerapia, alla riflessologia, ecc.

Tra le tante trova spazio  la fitoterapia, per esempio con l’uso di Aloe Vera Gel e Omega tre  per uso interno, Gel di Aloe e Propolis in crema per via cutanea, possiamo dire che si ottengono ottimi risultati.

In questo caso l’uso sia interno, che esterno, si rende necessario e utile.

Alcuni ricercatori dichiarano che, tra le tante proprietà dell’Aloe, ci sarebbe quella di limitare la proliferazione delle squame psoriasiche.

😃

Integratori alimentari e nutraceutici.

Oggi voglio parlarti della differenza che c’è fra Integratore alimentare e Nutraceutico.

In effetti si tende a fare ancora confusione con i due termini.

Il Nutraceutico come dice la parola stessa è un prodotto che ha a che fare con la nutrizione e la farmaceutica, quindi un alimento o parte di un alimento che fornisce benefici medici o di salute, inclusa la prevenzione o il trattamento di malattie.

Questa definizione l’abbiamo avuta dal Presidente della fondazione per l’innovazione in medicina Dott. Stephen DeFelice nel 1989. Contiene sostanze naturali bioattive ad alta concentrazione, sottoforma di capsule, pillole, ecc.

Un nutraceutico deve essere prima di tutto naturale, purificato, di efficacia comprovata, sicuro dal punto di vista tossicologico e di qualità. Non cura nulla, ma aiuta a prevenire alcune patologie solo se affiancato ad uno stile di vita corretto e ad una giusta alimentazione.

Integratore è un prodotto che aiuta a reintegrare sostanze perse, sostenere funzionalmente una funzione fisiologica dell’organismo, oppure di ridurre un fattore di rischio malattia, come ad esempio il colesterolo in soggetti sani.

Bisogna fare attenzione alla pubblicità ingannevole, non esiste una pillola che faccia miracoli e comunque è sempre bene concentrarsi su uno stile di vita sano.

Detto ciò possiamo comprendere che un nutraceutico ha caratteristiche maggiori di un semplice integratore e se usato bene può portare tanti benefici per il nostro benessere.

Ai giorni d’oggi, nonostante l’esplosione del mondo del biologico, nessuno è escluso dal dover inserire nella propria dieta elementi nutrizionali aggiuntivi. Possiamo con estrema convinzione dire che oggi, più che mai, l’integrazione con la Nutraceutica si rende necessaria.

Sono tanti i fattori che rendono questo necessario, da quelli alimentari a quelli ambientali. Mi piace molto l’esempio fatto da un bravo nutrizionista, dice che la mela mangiata dalle nostre bisnonne, non aveva di sicuro i principi nutritivi di una mela dei giorni nostri.

Mia figlia l’altro giorno nel mangiare una pera biologica vi ha trovato dentro un piccolo bruco. Le ho spiegato che stava a significare che il frutto era sano proprio perchè conteneva il bruco.

Nonostante ciò anche la frutta non ha oggi il valore nutrizionale di un tempo.

Questo per dire che anche se consumiamo quotidianamente le cinque porzioni di frutta e verdura, non introduciamo il nostro fabbisogno di vitamine e sali minerali.

Da qui la necessità di avvalerci della Nutraceutica.

Autunno: una buona occasione per migliorare il nostro benessere.

Autunno

nonostante a molti procuri malinconia, rappresenta una stagione che può addirittura esserci d’aiuto per il nostro Benessere. Cerchiamo di viverlo come una vera e propria opportunità.

Come prima cosa esprimiamo la nostra gratitudine a questa stagione, come dobbiamo fare, naturalmente, per tutte le altre.

Ogni stagione ci porta sempre nuovi frutti.

Approfitta di frutta e verdura di stagione, ovviamente biologica. Come per esempio la Regina dei frutti autunnali: la melagrana, ma anche l’uva, le carote, i topinambur, cavoli ecc.

Consumare frutta e verdura di stagione è sempre importantissimo per la nostra salute, per nutrirci bene e ritrovarci pieni di energia.

Il tempo ci regala ancora temperature gradevoli per fare attività fisica all’aria aperta, come delle lunghe passeggiate, magari nelle ore centrali della giornata, dove puoi godere di colori vivaci e respirare aria fresca.

E’ sempre meraviglioso fare meditazione, ma in questa stagione ancora di più, possiamo infatti meditare sul nostro mondo interiore, magari davanti ad un tramonto mozzafiato autunnale.

E’ anche un ottimo momento per detossinare il nostro organismo e per ripristinare la nostra flora batterica, così da trovarci forti e preparati agli attacchi dei virus invernali.

Tutto ciò per arrivare ad alzare le nostre difese immunitarie.

Decisamente un modo intelligente di vedere il bicchiere mezzo pieno, perché purtroppo, questa è la stagione dell’anno in cui molte persone si deprimono.

Le giornate si accorciano e le ore di luce diminuiscono. Nonostante ciò, se impariamo a guardare il mondo da un’altra prospettiva, ecco diventare l’Autunno una splendida stagione piena di fascino.

La Natura come suo solito ci stupisce e ci meraviglia, regalandoci colori e odori che se non ci mettiamo all’ascolto, non li percepiremo di certo.

Se anche tu fai parte della cerchia di persone che vedono l’Autunno come una stagione che rattrista, prova già da domani a fare una bella passeggiata, immersa nella Natura, ponendoti all’ascolto di cui ti parlavo.

Allontana i tuoi pensieri e perditi nelle meraviglie autunnali, vedrai che cambierai sicuramente opinione.