Archivio mensile:gennaio 2016

Per fare fronte alle tensioni del quotidiano.

images7FPITOWC

Per fare fronte alle tensioni del quotidiano ci si rilassa come meglio si crede: chi si dedica allo yoga, chi alla meditazione, chi preferisce un centro benessere, chi facendo lunghe passeggiate, etc…ognuno ha i suoi gusti.

Voglio scrivere questo articolo perchè se anche tu ti senti stressato, oppresso e molto teso, sappi che tutti questi metodi sono validi, si tratta solo di trovare quello che funziona di più per te, e soprattutto quello che preferisci, perchè bisognerebbe dare sempre maggiore spazio nella vita alle cose che più ci piacciono.

Il mio suggerimento è di aggiungere, oltre all’attività che preferisci, anche una corretta respirazione diaframmatica, perchè quando siamo tesi e stressati, tendiamo ad effettuare una respirazione toracica, avendo un atteggiamento posturale di chiusura, perciò tutto il nostro organismo risulterà contratto.

Ho detto tutto il nostro organismo, perchè tutti i nostri organi ne risentiranno, prendiamo come esempio il nostro intestino, è strano pensarlo, ma anche la nostra respirazione, se sbagliata, può contribuire alle problematiche intestinali. Fare una giusta respirazione con il diaframma, significa usare nel modo corretto questo muscolo.

Quindi ricapitolando la cosa migliore sarebbe: scegliere l’attività che più ti piace e che ti procura un maggior rilassamento, e abbinarla ad una corretta respirazione diaframmatica, facendo gli esercizi giusti per ottenerla.

A tal proposito ti voglio dire una cosa molto interessante, per chi pratica sport regolarmente e a vari livelli, una corretta respirazione diaframmatica è in grado di migliorare tutte le performances.

Come vedi, sono tante le cose che possiamo fare per il nostro benessere, come sempre basta praticare, e non aspettare di essere stressati e oppressi oltre un certo limite, altrimenti come abbiamo già detto tante volte, saremo più predisposti alle malattie.

Ti invito ad osservare la respirazione dei bambini, respirano con il diaframma, in maniera del tutto naturale (gonfiando il pancino), in effetti noi nasciamo respirando con il diaframma.

Poi crescendo e accumulando tensioni, ci spostiamo sempre di più verso una respirazione toracica, eccoti allora un altro buon motivo per tornare (un po’) bambino! 🙂

 

 

 

Colite: quando può diventare un fastidioso problema.

sintomi colite

La Colite è una patologia davvero fastidiosa! Quante volte ti sarai trovato nel bel mezzo di una chiaccherata tra amici e in preda ad un attacco di colite, di doverti affrettare nella ricerca dei servizi più vicini, nella speranza che siano proprio vicini!

E’ un’infiammazione che colpisce il colon, detta anche sindrome del colon irritabile. Alterna momenti di stitichezza a momenti di diarrea, gonfiori, flatuenza, crampi addominali, tutti sintomi molto fastidiosi. Quando siamo in presenza di questi disturbi, significa che la nostra flora batterica è decisamente sottotono.

L’Aloe riporta il nostro intestino in equilibrio, partendo da un discorso di detossinazione, l’Aloe va a pulire le pareti del nostro intestino e attiva le funzioni digestive, migliora la regolarità intestinale, non contiene aloina ed è quindi sicuro, e in più ha un effetto immunomodulante, cioè aiuta ad alzare le nostre difese immunitarie.

Diamogli il tempo di agire, in linea di massima viene stimato in novanta giorni, perchè l’Aloe è un alimento e quindi occorre avere pazienza e dargli il tempo necessario per fare il suo lavoro. Non solo, anche l’uso dei probiotici diventa determinante, al fine di ripristinare una buona flora batterica. Per andare ad aiutare la problematica del Colon irritabile, sarebbe suggerita l’assunzione di Aloe insieme ai Probiotici.

Dobbiamo anche tenere presente che, essendo l’intestino il nostro secondo cervello, tutti i nostri conflitti interiori, verranno da lui assorbiti a livello psicosomatico, causandoci una colite nervosa. E’ come se il nostro intestino fosse una estensione del nostro sistema nervoso, perciò dobbiamo stare molto attenti alle collere trattenute. A parte i fattori psicologici, sono molte le cause che possono portare ad una Colite: una dieta squilibrata, una situazione ormonale non in equilibrio, una infestazione parassitaria cronica, una alterazione della flora batterica e anche una scarsa idratazione può risultare nociva.

Senza dimenticare che una dieta deve essere povera di alcol e caffè, e che non bisogna fumare. La medicina tradizionale ci cura, nelle fasi più acute della sindrome, con medicinali, ma non si può dire di risolvere il problema.

Occorre prendere in considerazione un insieme di mosse che possono aiutarci a riportare il nostro intestino agli antichi splendori e a liberarci del tutto dalla fastidiosa Colite!

🙂